montalcino

montalcino

BRUNELLO DI MONTALCINO D.O.C.G. 2008

Grande annata a 4 stelle forse dovute più all’opportunità del momento, viste le 5 stelle delle 2 annate precedenti, che all’effettivo valore del vino.
Una estate "classica" ha consentito una maturazione lenta e costante delle uve ed i risultati sono ampiamente apprezzabili al palato.
L'altitudine dei nostri vigneti, posti a 480 metri s.l.m., ha permesso di mantenere profumi veramente straordinari che ne fanno apprezzare fin da subito la bontà e la freschezza e che, unitamente ad una struttura di tutto rispetto, conferiscono a questo vino una notevole capacità di affinarsi ancora in bottiglia, così da essere gustato per lungo tempo.
L’ottima struttura caratterizzata da tannini morbidi ma pronunciati, esalta il buon lavoro effettuato in cantina che ha permesso di trasferire in bottiglia tutte le note positive provenienti dalla vigna e ci conferma che anche in questa annata siamo riusciti a fornire alla nostra affezionata clientela, un prodotto tradizionale e profondamente legato al nostro territorio.

BRUNELLO DI MONTALCINO D.O.C.G. 2010

La vendemmia 2010 si farà ricordare non solo dagli intenditori ma da tutti coloro che amano il mondo del vino, infatti la conclusione del processo di affinamento in cantina ha confermato quello che ci aspettavamo: il Brunello di Montalcino annata 2010 è proprio un grande vino! Una estate "classica" ha permesso una maturazione lenta e costante delle uve ed i risultati sono ampiamente apprezzabili al palato.
Al primo impatto una componente alcolica di tutto rispetto anticipa la grande struttura e l'equilibrio di questa fortunata vendemmia, con la quale siamo sicuri di proseguire il successo delle precedenti annate. I nostri Brunello Riserva sono rari, avendo scelto di “mandare” a riserva solo le annate eccezionali, il 2010 sarà sicuramente una di queste completando ed onorando degnamente questa splendida annata

OLIO

L'importanza dell'olio extravergine di oliva nella nostra dieta quotidiana è ormai una certezza acquisita.

ROSOLIO

Questo liquore nato tipicamente al femminile agli inizi del secolo scorso, è potuto tornare oggi alla ribalta grazie alla tenacia e alla volontà della nostra azienda, che nell'intento di ricercare tutto ciò che é tradizione, cultura e costume, lo propone con convinzione come digestivo e come valido nettare per accompagnare particolari dessert e chiudere allegramente una serata tra amici.

Grappa di Brunello

La vinaccia profumata e umida, grazie alla pressatura soffice al termine della fermentazione del mosto, trasmette alla nostra grappa tutta l'armonia caratterizzante il Brunello rendendola unica ed inconfondibile.

Luoghi da visitare

Sant'Antimo - (5'  ca.)

Il nucleo primitivo dell'abbazia di Sant'Antimo risale al culto delle reliquie di Sant'Antimo di Arezzo, alla cui morte, nel 352, sul luogo del suo martirio venne edificato un piccolo oratorio[senza fonte]. Nello stesso luogo sorgeva una villa romana: lo dimostrano i numerosi reperti di epoca romana come il bassorilievo con la cornucopia sul lato nord del campanile o alcune colonne nella cripta carolingia. L'incisione “Venite et bibite” invece farebbe pensare alla presenza di una fonte con proprietà terapeutiche. Nel 715 la chiesa era custodita da un prete della diocesi di Chiusi.

Nel 770 i Longobardi incaricarono l'abate pistoiese Tao di iniziare la costruzione di un monastero benedettino e gli affidarono anche la gestione dei beni demaniali del territorio. Le abbazie erano utilizzate come sosta dai pellegrini diretti a Roma, dai mercanti, dai soldati e dai messi dei re.

L'abside della cappella Carolingia, attualmente sagrestia della chiesa.
Carlo Magno, di ritorno da Roma nell'781, ripercorrendo la grande via creata dai Longobardi, chiamata in seguito "Francigena" perché "strada originata dai Franchi", giunse a Sant'Antimo e pose il suo sigillo sulla fondazione del monastero. Quasi certamente la fondazione ad opera di Carlo Magno è da interpretare come una pura leggenda medievale. Il 29 dicembre 814 un documento di Ludovico il Pio, figlio e successore di Carlo, arricchisce l'abbazia di doni e privilegi. L'abbazia diventa a tutti gli effetti, un'abbazia imperiale.

Con l'impulso carolingio, la comunità inizia il suo periodo di apogeo. L'abate di Sant'Antimo è insignito del titolo di conte palatino (Conte e consigliere del Sacro Romano Impero). L'esame delle carte imperiali, tra cui quella di Enrico III del 1051, e di quelle papali si contano numerosi territori chiese appartenenti o posti sotto la giurisdizione dell'abbazia: 96 tra castelli, terreni, poderi e mulini; 85 tra monasteri, chiese, pievi e ospedali dal grossetano al pistoiese passando da Siena e Firenze.

Il possedimento principale della comunità era il castello di Montalcino, dove il priore alloggiava in una residenza ora inglobata entro le mura della fortezza.

Siena - patrimonio Unesco (45’ ca.)

Siena ebbe il suo periodo di maggior splendore tra il 1150 e il 1300, sono di questo periodo: il duomo, il palazzo pubblico, la torre del Mangia. I suoi tanti musei (Museo dell’Opera del Duomo, il Santa Maria della Scala, il Museo Civico, la Pinacoteca) raccolgono stupende opere d´arte.

 

Asciano (30’ ca.)

Con il suo Museo Civico Archeologico e d’Arte Sacra: dai preziosi manufatti provenienti dalle tombe etrusche ai dipinti e le sculture lignee realizzati dai massimi artisti senesi dal XIV al XVI secolo.

Certosa di Pontignano (50’ ca.)

Splendido complesso monastico fondato nel 1343, oggi Centro Congressi dell’Università degli Studi di Siena.

Montalcino (5’ ca.)

Con la sua imponente fortezza, conserva ancora il fascino dell’antico borgo medioevale. Fa parte del parco naturale e culturale della Val d’Orcia ed è famosissima per il suo vino “Brunello”. Poco distante si trova l’abbazia di Sant´Antimo, eccezionale esempio di architettura romanica.

Monteoliveto (20’ ca.)

Abbazia benedettina olivetana di Monte oliveto maggiore, con i suoi stupendi affreschi.

Montepulciano (35’ ca.)

Piccolo borgo etrusco, ebbe il suo periodo di maggiore accrescimento nei secoli XIII-XIV, molti dei suoi monumenti e delle opere d’arte risalgono a questo periodo. E’ famosa per aver dato i natali al Poliziano e per il suo “Vino nobile”.

Pienza - patrimonio Unesco (20’ ca.)

La città voluta da papa Pio II. Iniziata a costruire nel 1459 su progetto de "Il Rossellino" e terminata in soli 4 anni, è la città rinascimentale per eccellenza.

San Gimignano - patrimonio Unesco (55’ ca.)

Piccolo borgo etrusco del periodo ellenistico III-II sec. a.c., ebbe una straordinaria fioritura di monumenti e opere d’arte nel medioevo grazie all’attraversamento della via francigena, è famosa per le sue tante torri.

Volterra (70’ ca.)

Volterra definita da Gabriele d’Annunzio "La città del vento e del macigno" fu fondata dagli etruschi nell’VIII secolo a.c.,vera città stato con ben 7 km di mura. Famosi i suoi alabastri.

San Galgano(60' ca.)

San Galgano

BRUNELLO DI MONTALCINO D.O.C.G. 2009

Grandissima annata per CROCEDIMEZZO !!!!  L’estate, iniziata in ritardo a causa delle piogge non ha avuto nessun problema legato allo stress idrico. La costante lavorazione superficiale dei terreno senza l’uso di diserbanti ed un bellissimo settembre ci hanno permesso di portare in cantina un prodotto di estrema eccellenza.

La fermentazione prolungata ha esaltato la superba struttura, caratterizzata da tannini nobilissimi e molto morbidi, rivela tutte le potenzialità dell’annata 2009.

Il periodo di affinamento in cantina, eseguito in maniera tradizionale, mediante l’utilizzo di botti di rovere Slavonia ed Allier di medie dimensioni (25 e 32 ettolitri), ne ha esaltato le enormi qualità ed ha conferito ad un prodotto già eccellente ulteriore pregio e raffinatezza. Veramente una vendemmia da gustare sia subito che nel tempo.

Pagina 2 di 3

 

 

 

Un ringraziamento ai molti nostri clienti che con le loro recensioni collocano La Crociona nel 10% dei migliori Agriturismo in Toscana.

 

GUIDA TURISTICA AUTORIZZATA PER SIENA, FIRENZE E PROVINCE / TOURISTIC GUIDE FOR SIENA, FLORENCE AND PROVINCES
Sig.ra Silvia Vecoli

www.tuscanytours.holiday

 

Agriturismo La Crociona
Località La Croce, Montalcino (Siena) - Tel. +39 0577 847133 - Fax +39 0577 846994 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
P.IVA/C.F. 00946250529

Orario di apertura: 9,00 - 13,00 / 14,30 - 19,00 - orario degustazioni e visita cantina: dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18. 

  

JoomShaper